Tabelle prestito Inpdap: come calcolare la rata

Dal 2012 l´Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti della Amministrazione Pubblica o INPDAP, è stato inglobato all´interno dell´ INPS Gestione Dipendenti Pubblici. Questo ente eroga ai dipendenti o pensionati pubblici che ne abbiano bisogno e lo richiedano, prestiti a tassi fissi e molto agevolati.

Ci sono due tipi di questi prestiti; quelli che vengono finanziati dall´ente e quelli che vengono concessi da istituti convenzionati con l´ente come banche e finanziarie. Nel primo caso, il finanziamento a tasso agevolato viene fornito attraverso il Fondo Credito, accumulato con i contributi previdenziali versati dagli stessi dipendenti e quindi, vincolato dalla presenza dei fondi necessari. Hanno diritto ad accedervi i dipendenti pubblici e pensionati che si sono iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici dell’INPS, oltre ai dipendenti delle Poste Italiane.

La durata del prestito può variare dai 5 ai 10 anni, rimborsabile in con rate che variano dalle 60 alle 120. A seconda della spesa da finanziare, varia l´importo erogato. Il tasso è fisso e gli interessi sono del 3,50%. Vengono fornite delle tabelle Prestito Inpdap che facilitano il calcolo dell´importo delle rate.

Nel secondo caso invece, il finanziamento chiamato Prestito Pluriennale Garantito Gestione Pubblica viene concesso da banche e finanziarie convenzionate con l’ INPDAP. In questo caso l´ente svolge la funzione di garante del dipendente in caso di una morte prematura o se dovesse per qualche motivo perdere il posto di lavoro statale.
Online è possibile ottenere tutte le informazioni riguardanti la presentazione della domanda, i tassi di interesse, le tabelle o tavole finanziarie per calcolare la rata e l´importo che si può ottenere. Esiste anche un altro tipo di finanziamento riservato ai docenti statali chiamato Gestione Magistrale con un tasso di interesse agevolato all´1,50% rimborsabile in 24 rate con scadenza mensile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *